THE BOBBY LEES – “Bellevue”

La band originaria di Woodstock conferma e supera le migliori aspettative: il loro terzo album - il primo per Ipecac Recordings - è il più infuocato e adrenalinico di sempre

Iggy Pop, Debbie Harry, Henry Rollins… sono solo alcune delle icone del punk che hanno mostrato il loro sostegno alla band The Bobby Lees, con sede a Woodstock, N.Y.. Sam Quartin [voce, chitarra], Macky Bowman [batteria], Nick Casa [chitarra] e Kendall Wind [basso] – fanno una musica che è punk nello spirito e nell’anima; senza freni e decisamente onesta. È il tipo di esorcismo auditivo a cui ogni ascoltatore può accedere, e che ha colpito Rollins che li ha portati alla Ipecac Recordings, dove Mike Patton e Greg Werckman li hanno messi sotto contratto.

I Bobby Lees mettono a nudo i loro denti – e le loro anime – nel loro nuovo album e debutto alla Ipecac, Bellevue.

The Bobby Lees - Photo Credit John Swab
The Bobby Lees – Photo Credit John Swab

“Sentivo come se qualcosa mi stesse mangiando vivo dentro, e dovevo tirarlo fuori in modo creativo o morire”, spiega Sam, che all’inizio sentiva di non essere abbastanza brava per fondare una band. “Credo che il dolore di non farlo sia diventato più grande della paura di farlo, quindi non ho avuto altra scelta che provarci”.

Sam, Kendall e Macky si sono “magicamente” (come dice Sam) incontrati tramite la Rock Academy di Saugerties, N.Y. nel 2017. Hanno iniziato a scrivere musica insieme e una volta che Nick si è unito a loro nel 2018, i Bobby Lees si sono veramente formati.

Un album DIY e autoprodotto è arrivato nel 2018 (Beauty Pageant), attirando l’attenzione dell’impresario del garage rock Jon Spencer, che ha poi prodotto l’album del 2020 della band, Skin Suit. La raccolta di 11 canzoni, poco conosciuta eppure ben accolta, ha visto il quartetto impegnato in una tournée internazionale con un’ondata di consensi in Europa. La band americana ha presto registrato il tutto esaurito in tutto il continente, con il favore di critici britannici come Uncut e Classic Rock Magazine.

Nel 2021, la neonata formazione, ormai collaudata e più determinata che mai, si è trasferita allo Sputnik Sound di Nashville per registrare Bellevue, il loro album di debutto per Ipecac Recordings, dal vivo in studio con il produttore Vance Powell (Jack White, Chris Stapleton, The Raconteurs). “Vance è incredibile e ci sentiamo molto fortunati ad aver fatto questo disco con lui”, continua Sam. “Di solito quando scrivo le canzoni, sono piuttosto semplici. Kendall mi aiuta a renderle più eccitanti e tutta la band aggiunge le proprie parti per renderle più complete. Vance ha contribuito a trasformare alcuni brani in qualcosa che non avremmo mai potuto fare da soli”.

Con un songwriting intelligente e riflessivo, i Bobby Lees seguono il loro istinto di musicisti e amici, lavorando insieme per creare le canzoni che alla fine formeranno Bellevue. Il suono è grintoso, minimalista e viscerale, ogni canzone è un’ode ai disadattati. “L’abbiamo scritta mentre era in corso questa pazzia (pandemia) e credo che abbia contribuito a renderci più aperti e vulnerabili. Ci prendiamo dei rischi e facciamo cose più strane dal punto di vista musicale rispetto al passato”.

Brani come “Hollywood Junkyard” e “Dig Your Hips“, già anticipati nell’EP Hollywood Junkyard, illuminano lo spirito spericolato e crudo dell’album, mentre il singolo “Strange Days” mostra un altro lato del gruppo. Tra un minaccioso piano basso e l’altro, la voce di Sam si infrange e si innalza sul paesaggio sonoro minimale, mentre lei riflette su “un sogno di Murakami”.

“Sono una grande fan dell’autore Murakami”, afferma. “L’ho scoperto quando è iniziata la pandemia e ora sono al libro numero otto. Stavo leggendo The Wind-Up Bird Chronicle e ho visto il film Strange Days, che parla della nostra dipendenza dalla tecnologia e di quanto possa essere grave. La mattina dopo è stata la prima volta che ho aperto gli occhi, ho preso una penna e l’intera canzone si è scritta da sola in pochi minuti”.

L’album contiene momenti altrettanto intensi. Il brano che dà il titolo all’album esce con un grido di guerra e un riffing sfrenato, basato su esperienze di vita reale con “cose mentali”.

“Prima di trasferirmi a Woodstock e incontrare la band, vivevo vicino al Bellevue Mental Hospital di New York”, ricorda Sam. “Quando vivevo lì, bevevo molto e la mia salute mentale era piuttosto fuori controllo. Avevo allucinazioni senza prendere farmaci, mi sentivo come posseduta e sentivo cose che non c’erano. A volte pensavo di comunicare telepaticamente con le persone del Bellevue, forse lo stavo facendo…. è diventato piuttosto intenso e mia madre stava per mandarmi in un ospedale psichiatrico a lungo termine, ma invece mi sono disintossicata e sono davvero grata che la maggior parte di quelle cose che erano troppo difficili da gestire siano passate da sole”.

Con un’intensità maniacale, “Monkey Mind” esplode con un gancio che spacca la testa. Sam spiega: “Si tratta della tua testa che ti parla troppo forte o che è cattiva con te stessa”.

In un’altra parte di Bellevue, “Ma Likes To Drink” traduce un argomento decisamente oscuro in un rocker ruggente collaudato sulla strada e pronto a provocare. “Raramente suoniamo roba nuova dal vivo, ma questa l’abbiamo provata e la gente è impazzita, quindi siamo entusiasti di pubblicarla e di ricominciare a suonarla dal vivo”.

Per quanto la musica possa sembrare a volte febbrile e nichilista, c’è sempre un barlume di speranza al centro di ogni canzone. “Ho intitolato l’album Bellevue perché quando lo riascolto, sento qualcuno che ha vissuto quelle cose e che ora è in grado di riderci sopra e di divertirsi a raccontare le storie”, dice Sam. “Mi ricorda che le cose più dolorose e intense che ho vissuto finiscono per essere le più gratificanti dal punto di vista creativo”.

Quando le viene chiesto quale sia la risposta che spera di ottenere da Bellevue, risponde: “Quando sento qualcosa che mi piace o a cui mi lego, mi sento meno sola e ricevo un po’ di speranza per andare avanti. Mi fa uscire dalla mia storia. La mia unica speranza è che forse questo disco faccia lo stesso per qualcun altro”.

Copertina Bellevue - The Bobby Lees

Bellevue tracklist

Bellevue 1:23
Hollywood Junkyard 3:13
Ma Likes To Drink 1:41
Death Train 3:01
Strange Days 3:35
Dig Your Hips2 3:19
Have You Seen A Girl 1:42
In Low 1:41
LIttle Table 2:20
Monkey Mind 2:19
Greta Van Fake 2:18
Be My Enemy 3:26
Mystery Theme Song 1:45

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO