ALEX ANTHONY FAIDE – “Particles of the Infinite”

L'eccellente chitarrista e compositore argentino pubblicherà il tanto atteso album solista - con la partecipazione di Pat Mastelotto dei King Crimson - su 7d Media il 18 marzo 2022

AAF suona le mie parti di chitarra meglio di me“. – Robert Fripp

Originario di Buenos Aires, Argentina, il chitarrista/compositore Alex Anthony Faide ha una reputazione internazionale decennale per essere l’arma segreta in registrazioni rock, arrangiamenti e produzioni teatrali in Europa e America Latina. Ora con sede a Seattle, WA, Faide pubblicherà il suo atteso disco solista – Particles of the Infinite – uno spettacolo di pirotecnica chitarra in nove parti, nel marzo 2022 per l’etichetta di Trey Gunn 7d Media. Ispirato e sviluppato da concetti trovati in brani dei King Crimson come Fracture e Lark’s Tongues in Aspic, Faide porta il lavoro oltre la stratosfera nella dimensione dello specchio per trovare qualcosa di completamente suo. Nelle parole del suo mentore Robert Fripp, “AAF suona le mie parti di chitarra meglio di me“.

Faide ha trascorso il 2017-19 in tour, scrivendo brani e arrangiando, con gli eroi messicani dell’hard rock Molotov nel loro MTV Unplugged ShowEl Desconecte” e come sideman per l’acclamato disco solista “El Ocaso” del frontman dei Molotov Tito Fuentes. Attualmente sta lavorando a un nuovo progetto con il leggendario produttore/cantautore tedesco Uwe Fahrenkrog-Petersen, fondatore e principale compositore della band Nena.

Faide è il co-fondatore dell’amata 3a ondata surf rock band, Los Twang! Marvels, oltre a Los Gauchos Alemanes/Electric Gauchos. Ha anche lavorato con artisti come Markus Reuter, Namgar, Willie Campins, Crystal Beth, TROOT, Kathy Moore, Tiny Orchestral Moments, Los Primitivos e Lutz Petersen, tra innumerevoli altri.

Dice Alex: “È difficile determinare la vera origine di questo lavoro, anche se è innegabilmente un omaggio al mio istruttore di chitarra, mentore di vita e amico, Robert Fripp. Le idee e le composizioni hanno iniziato a prendere forma nell’aprile 2016 in risposta a una sfida lanciata dal collaboratore di lunga data e fratello di vita Steve Ball (League of Crafty Guitarists, Electric Gauchos, Prometheus): creare una mia versione di Fracture e Lark’s Tongues in Aspic dei King Crimson. La scrittura di Fripp e il suo lavoro di chitarra in questi pezzi monumentali mi colpiscono come miscele sapientemente uniche di influenze nel repertorio contemporaneo di chitarra elettrica, il che mi ha ispirato ad immergermi profondamente nella mia voce e nella mia pratica personale per accettare la sfida lanciata.

“Ciò che ha scatenato il mio interesse è stata la nozione di un atteggiamento e di un suono rock feroce e pesante, eseguito con precisione incontaminata in una tradizione di musica classica contemporanea su uno strumento elettrificato. Sono ipnotizzato dalla sezione di Fracture conosciuta come Perpetuum Mobile e dalla capacità del chitarrista di eseguire parti intricate senza sforzo con un plettro triangolare. La sfida di evocare una tale complessità mi sembra allo stesso tempo impossibilmente fragile e rischiosa.

“Una volta che l’emergenza embrionale di Particles of the Infinite Parts I through III ha cominciato a prendere forma, è diventato chiaro che questo sarebbe stato un disco completo e avrebbe richiesto nove parti per completare il corpo del lavoro che mi ero prefissato di esplorare. Particles of the Infinite riassume 30 anni di sviluppo personale e di ricerca sulla chitarra, derivati e raccolti dall’insegnamento diretto della chitarra come parte del Guitar Craft, e la pratica dal vivo di sperimentare la vita come musicista itinerante internazionale in una miriade di generi e ambienti. Ho viaggiato quasi mensilmente tra Argentina, Messico e Stati Uniti dal 2017 al 2019, sviluppando questo lavoro tra spettacoli e collaborazioni, in camere d’albergo e airbnb, con registrazioni a intermittenza a Seattle quando il momento lo permetteva.”

I 9 quadri che compongono Particles of the Infinite sono presentati in trittico (Pt. I-III / Pt. IV-VI / Pt. VII – IX) ciascuno contenente tecniche particolari (alternate and cross-picking, stamina, release and flow for the left hand, exploration of diminished /symmetric scale relationships, rhythmic displacement & vector harmonization) – e interpretazioni di vari temi, motivi e passaggi. Ci sono molte convergenze impresse nella musica, nello stile esecutivo e nel tono generale.

Dice Alex: “Ovviamente parte del materiale è un tributo a Fripp, tuttavia sto sempre spingendo verso il mio orizzonte musicale e seguendo le richieste della Musa. Lo sento come una ricerca dell’oro in forma musicale. Si potrebbe probabilmente chiamare questo disco solo una collezione di chops di fantasia… e sarei felicemente d’accordo con questo. Ma io considero queste tecniche e interpretazioni come un corpo di lavoro trasversale e in continua evoluzione che punta a un’idea più grande nel continuum in costante espansione della chitarra elettrica. Soprattutto, queste tecniche sono semplicemente un mezzo per un fine, il fine è la capacità di lasciare che la musica parli liberamente e continuamente in tempo reale.

“È interessante sperimentare l’arco evolutivo lungo tutto il disco dall’inizio alla fine, personalmente rappresenta una sorta di sorprendente mappa di navigazione che aiuta me (e speriamo anche l’ascoltatore) a trovare un centro di gravità in mezzo alla tempesta. Che le Potenze Superiori ci concedano la Pazienza di sopportare e la Forza di perseverare. Come si dice: Per aspera ad astra”.

Alex Anthony Faide (photo by Karen Moskowitz)

Particles of the Infinite” Track list:
Pt. I (04:06)
Pt. II (04:31)
Pt. III (05:50)
Pt. IV (04:37)
Pt. V (11:05)
Pt. VI (03:18)
Pt. VII (03:38)
Pt. VIII (06:28)
Pt. IX (06:11)

Tutti i brani composti ed eseguiti da Alex Anthony Faide alla chitarra elettrica e al basso.

Batteristi ospiti:
Matt Chamberlain (Pt. I & VI)
Pat Mastelotto (Pt. II)
Alessandro Inolti (Pt.III, IV, V, VII & VIII)

Recorded at SoundVision Studios (Seattle)
Mixed by Jonathan Plum/London Bridge Studios (Seattle)
Mastered by Brian Lucey/Magic Garden Mastering (LA)

Data di pubblicazione 18 marzo 2022

Per l’acquisto: Bandcamp 

AAF online:
Official website | FacebookInstagramYouTube | 7DMedia 

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO