VAST CONDUIT – “Always Be There”

L'ensemble Prog con il tastierista/cantante Bill Jenkins, meglio conosciuto per il suo lavoro con Enchant e Thought Chamber, pubblicherà il suo album di debutto il 16 febbraio 2022. Tra i tanti ospiti eccellenti anche Bert Lams del California Guitar Trio

Questo album è centrato sull’idea di fare tutto il possibile per costruire e curare tutte le relazioni genitori/figli, indipendentemente dalle circostanze. Ci sono così tanti modi diversi in cui queste possono soffrire – morte, divorzio, malattia, egocentrismo, ecc. – eppure sono così vitali per la nostra felicità e il nostro benessere. Ogni momento che abbiamo per sostenerci a vicenda e rendere migliore la vita dell’altro è prezioso.

Dice Bill: “Le canzoni Always Be There e anche Early Eclipse trasmettono il messaggio principale dell’album. La data di pubblicazione è il 40° anniversario della morte di mio padre, che ha messo in moto un percorso di vita e di filosofia descritto dalle canzoni dell’album. Ho avuto le idee di base per quasi tutte queste canzoni per anni ed era semplicemente il momento di farle diventare realtà”.

Le Parche hanno cospirato e un insieme fortuito di circostanze ha creato un vasto condotto, galvanizzando quello che altrimenti sarebbe potuto essere un progetto di rock progressivo ordinario con un’abbondanza di talento e abilità musicale. Il tastierista Bill Jenkins (Enchant, Thought Chamber), riflettendo su materiale vicino al cuore, ha arruolato i talenti di questi incredibili musicisti per portare quel materiale alla luce: Il virtuoso chitarrista Michael Harris (Arch Rival, Thought Chamber, Darkology, Michael Harris Tranz-Fusion) aggiunge tutto, dai lead brucianti alle sottili emozioni. A gettare le basi con solidi groove e a far sembrare i tempi dispari senza sforzo e naturali è il batterista Will Jenkins (Ghost and the City, Great Wall). Il venerabile Jeff Plant solidifica quelle fondamenta con il basso elettrico e fretless (anche lui dei Thought Chamber e il cui pedigree è troppo lungo da elencare qui e il cui incredibile modo di suonare il basso parla da solo). Aggiungendo la giusta quantità di fumo e fuoco dal suo arco rosato è il violinista Jim Hurley (che ha suonato con artisti del calibro di Ritchie Blackmore, Trans Siberian Orchestra, Ancient Future, e la Bon Temps Zydeco Band di Queen Ida, vincitrice di un Grammy, tra molti altri). A completare la lista ci sono le voci satinate di Friel (una gemma di talento vocale veramente rara che in qualche modo, da qualche parte, all’improvviso, è stata trovata per questo progetto).

Con i musicisti a posto, è iniziato un progetto di registrazione cross-country, che si è concluso con l’uscita dell’album in studio iniziale di Vast Conduit Always Be There, un album a tema centrale che esplora diversi generi musicali. Sebbene sia di natura rock progressivo, quando pressato per un genere singolare, Michael ha suggerito scherzosamente “smooth prog”. Dopo le necessarie risate e il riconoscimento di quanto fosse appropriata la descrizione, le risate si sono trasformate in cenni di approvazione quando è stata pienamente accettata dalla band.

L’album è iniziato come un semplice progetto EP, e la registrazione di 3 delle canzoni con voci demo è iniziata diversi anni fa. Poi è successo il covid e ha aperto l’opportunità e la disponibilità di espandere il progetto ad un album completo.

Insieme all’ensemble principale, l’album presenta alcuni artisti ospiti. Conoscendo i ragazzi del California Guitar Trio da un po’ di tempo, e amando il loro suono, Bill ha sempre sperato di coinvolgerli in una canzone. Bert Lams ha accettato di aggiungere la sua chitarra acustica a Early Eclipse, e ha aiutato ad aggiustare l’arrangiamento per funzionare ancora meglio con l’aggiunta delle sue parti.

Il fratello di Bill, Tom Abraira, suona la tromba nel brano Philly Etymology. C’erano due posti per una voce femminile su questo album. Dice Bill, “Ho sentito il canto di Manon in High Hopes Acapella, e l’ho invitata a cantare la parte femminile in Barrier. Avendo lavorato con Betsy Walter in precedenza, avevo già un precedente demo di Early Eclipse con la sua voce e ho usato la sua parte da sotto l’assolo in quella canzone e si adattava perfettamente”.

Infine, c’era una vecchia registrazione dell’idea strumentale che è diventata Wesley Save Us che aveva la voce di Jessica Jenkins quando erano bambini. “Con la voce di Jess che è stata la mia associazione con quella canzone per così tanti anni, e dato il tema dell’album, lavorare con alcuni di quei campioni doveva accadere”.

Il lavoro è già iniziato sulla scrittura del prossimo album. Dopo l’uscita, la band cercherà opportunità per esibizioni dal vivo. Per concludere, Bill ha detto: “Se i nostri ascoltatori apprezzeranno la musica anche solo la metà di quanto noi ci siamo divertiti a crearla, sarà fantastico!”

Track List

  1. Barrier 6:22 B. Jenkins, S. Spring (with lyrics)
  2. Soul Tuck 5:10 B. Jenkins (instrumental)
  3. Always Be There 5:49 B. Jenkins (with lyrics)
  4. Endless Days 6:40 B. Jenkins, D. Ott (with lyrics)
  5. Too Busy 5:45 B. Jenkins (instrumental)
  6. Odessa 5:56 B. Jenkins (with lyrics)
  7. 500 Miles 4:44 B. Jenkins, B. Walter (with lyrics)
  8. Philly Etymology 5:39 B. Jenkins (instrumental)
  9. Early Eclipse 6:59 B. Jenkins (with lyrics)
  10. Of A Feather 5:01 B. Jenkins (instrumental)
  11. Wesley Save Us 4:31 B. Jenkins (with lyrics)

Band Members
Friel: Vocals
Bill Jenkins: Keys, backing vocals
Will Jenkins: Drums
Michael Harris: Guitars
Jeff Plant: Bass
Jim Hurley: Violin

Guest Artists
Tom Abraira – Trumpet on “Philly Etymology”
Bert Lams – Acoustic Guitar on “Early Eclipse”
Manon Roem -Vocals on “Barrier”
Betsy Walter – Vocals on “Early Eclipse”

Recorded at: The Zircon Cube, The Beige Area, and Psycho Sound East
Mixed by: Bill Jenkins and Will Jenkins
Produced by: Bill Jenkins and Will Jenkins
Mastered by: Michael Romanowski at Coast Mastering, Berkeley CA
Artwork by: Jessica Jenkins

Per l’acquisto
Bandcamp | Vast Conduit website

Per ulteriori informazioni
Sito web | Facebook

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO