MICK PAUL – “Parallel Lives”

L'eccellente polistrumentista inglese, alla sua prima prova solista, ospita le apparizioni degli amici David Cross (King Crimson), David Jackson (Van Der Graaf Generator), Craig Blundell, Sheila Maloney, Paul Clark e Dennis Mahon

Il bassista Mick Paul, meglio conosciuto per il suo lavoro con la David Cross Band, nel suo nuovo album Parallel Lives ospita le apparizioni di David Cross e David Jackson.

Dice Mick a proposito del nuovo album: “Sono interessato al modo in cui le nostre vite tendono a rispecchiarsi senza che ce ne rendiamo conto, da qui il titolo Parallel Lives. Due delle canzoni si riferiscono ai miei figli che ora sono cresciuti, posso vedere come le loro vite riecheggiano le mie e, naturalmente, come la mia vita ha paralleli con i miei genitori e il modo in cui hanno visto le cose e hanno reagito agli eventi – e come vanno avanti le generazioni. Non è un concept album nel senso tradizionale, con una storia in quanto tale, ma penso che ci sia coesione nel contenuto generale dei testi che raccontano parte della mia storia. Sento anche che gli stati d’animo e l’atmosfera generale dell’album riflettono molto come mi sono sentito quando lo stavo scrivendo“.

Inizialmente Mick ha inviato a Craig Blundell i primi due brani su cui iniziare a lavorare. Craig stava lavorando molto in tour con Steven Wilson in quel momento, quindi ha registrato le tracce nel suo studio e ha mandato indietro i file audio e Mick ha lavorato a stretto contatto attorno a questi per sviluppare il resto delle parti. La successiva ad essere coinvolta è stata Sheila Maloney, la tastierista originale della David Cross Band, che è stata determinante non solo nella creazione di parti di pianoforte e synth, ma con valori complessivi di produzione e decisioni di mixaggio.

La maggior parte delle parti vocali di Jinian Wilde sono state completate abbastanza presto durante la registrazione, ma Jinian ha anche contribuito con ulteriori idee man mano che le nuove canzoni erano pronte. “Il suo lavoro armonico è molto complesso e trovo che integri completamente ciò che stanno facendo il basso e le tastiere e funzioni come un altro strumento all’interno del mix“, afferma Mick.

Con tutti i bassi di base, le tastiere e parte della batteria completati, Mick ha poi lavorato con Steve Roberts per completare tutte le altre parti di batteria (e ovviamente una raffinata selezione di gong). Questi sono stati registrati al complesso di registrazione Mill Hill a Londra, con l’aiuto del grande ingegnere Fil Ross. Steve è stato in grado di mettere giù tutte le tracce in due giorni, il che è stato davvero sorprendente.

Mick ha quindi inviato i file a David Cross, David Jackson e Paul Clark rispettivamente per violino, flauti/fischietti e chitarre. Dice Mick, “Entrambi i David mi hanno inviato almeno tre versioni diverse di ogni assolo e di ogni parte e mi hanno permesso di scegliere quelle che mi piacevano di più. Ha funzionato molto bene ed è stato un modo così interessante di lavorare modificando le parti insieme in modo che le loro idee migliori fossero conservate. Hanno tutti aggiunto la loro inclinazione personale alle canzoni su cui suonano con grande effetto e mi piace molto il modo in cui queste tracce sono venute‘.

L’ultima performance a essere registrata è stata quella di Dennis Mahon che vive in California. Mick lo ha incontrato al Cruise to the Edge ed è rimasto così colpito dal suo modo di cantare sulle cover di John Wetton che ha voluto lavorare con lui e vedere cosa avrebbe fatto con una canzone originale. La sua voce è stata registrata da Fernando Perdomo ai Reseda Ranch Studios CA USA.

L’album è stato poi masterizzato da 360 Mastering nel Regno Unito.

Nella sua lunga carriera che risale agli anni ’70, Mick Paul ha suonato con molti artisti affermati e ha fatto numerosi tour e sessioni TV.

Nei primi anni ottanta è stato prodotto da Mike Ratledge e Carl Jenkins dei Soft Machine, poi è diventato un bassista in house per uno studio a Londra, intorno al 1983 ha iniziato a scrivere il proprio materiale con alterne fortune, solo nel 1995 quando Mick si è unito alla David Cross Band è riuscito ad affermarsi come compositore, lavorando con David Cross, Robert Fripp, John Wetton e Peter Hammill.

Nel 2015, durante la registrazione dell’album Another Day per Cherry Red Records con David Cross, David Jackson e Craig Blundell, ha scoperto che c’era molto materiale per lui molto personale che sembrava più coeso come progetto solista piuttosto che come idee per la band. Quindi Mick ha lavorato a stretto contatto susulle tracce iniziali con Paul Clark e Craig Blundell e in seguito, mentre l’album si sviluppava, ha scoperto che Sheila Maloney, la tastierista originale della band di David Cross, è stata determinante nel creare l’atmosfera per le tracce successive.

Mick ha anche girato l’Europa con il cantante dei Mr. Big Eric Martin e fa anche parte dei Fae di recente formazione.

In chiusura Mick afferma: “Sarei molto felice se tutti coloro che ascoltano l’album lo trovassero un’esperienza positiva. Sebbene l’album attraversi molti stati d’animo e stili diversi, spero che l’esperienza complessiva sia di esplorazione e speranza. Quello che spero anche è che scoprano che il basso stesso è uno strumento così flessibile e interessante e non solo lì per le note basse. Ci sono alcuni modi molto diversi di suonare il basso ascoltato nell’album che includono melodie, tapping, assoli e accompagnamenti!”

Per acquistare Parallel Lives:
Compact Disk ServicesBurning Shed

Per maggiori informazioni: Sito web ufficiale di Mick Paul

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO