RACHEL FLOWERS – “Bigger on the Inside”

Pubblicato il 1 ottobre 2021 il terzo album della talentuosa polistrumentista e compositrice californiana

La polistrumentista e compositrice californiana Rachel Flowers ha pubblicato il suo attesissimo nuovo album solista il 1° ottobre 2021. Rachel dimostra con il suo ultimo lavoro di essere veramente, come suggerisce il titolo, Bigger on the Inside. Come compositrice, Rachel intreccia perfettamente elementi di rock progressivo, jazz, musica classica e pop con orchestrazioni cinematografiche, melodie impennate e virtuosismi. Completa il tutto con l’estensione vocale di 3 ottave e mezza di Rachel e la sua straordinaria capacità di esplorare temi universali che vanno dall’amore, la gioia e la speranza alla depressione, al bullismo e alla paura di un futuro incerto con sensibilità e ottimismo, e hai un album che È destinato a durare nel tempo.

Racconta Rachel: “Mi sono ispirata a compositori e gruppi come Ambrosia, Frank Zappa e Keith Emerson mentre scrivevo le canzoni di Bigger on the Inside. Alcune canzoni sono state ispirate o addirittura ascoltate nei sogni. Altri sono stati improvvisati durante il processo di registrazione. A volte solo ascoltare un nuovo suono di pianoforte può portare all’ispirazione. Alcuni dei miei testi vengono solo dalla mia immaginazione e altri provengono da esperienze reali”.

Rachel Flowers è riconosciuta in tutto il mondo come polistrumentista e compositrice la cui musica abbraccia più generi.

Ha ottenuto per la prima volta il riconoscimento per il suo talento da bambina ed è stata ammirata e istruita da quelli ai vertici del loro campo tra cui Greg Lake, Keith Emerson, Dweezil Zappa, il direttore d’orchestra Terje Mikkelson e una serie di grandi del jazz, in particolare Herbie Hancock . Da adolescente ha vinto numerosi premi come pianista e flautista, ed è maturata per esibirsi e registrare sulla scena mondiale.

Il premiato documentario Hearing Is Believing è stato prodotto sulla sua vita e sui suoi talenti insoliti.

Tra i crediti discografici di Rachel ci sono i suoi album da solista Listen (2016) e Going Somewhere (2018), Music From the Soundtrack: Hearing is Believing (2017), collaborazioni con Michael Sadler di Saga e la band fusion Stratospheerius e apparizioni Negli album di Telergy e Marcelo Paganini. Rachel è protagonista di Keith Emerson – Beyond the Stars e del tanto atteso set di CD e DVD Fanfare For The Uncommon Man: The Official Keith Emerson Tribute Concert.

Rachel continua a sfidare le aspettative, rifiutando di essere incasellata per genere o per strumento. La sua formazione al pianoforte classico è iniziata quando aveva solo 4 anni. A 9 anni ha scoperto il jazz ed è stata immediatamente trafitta dalla musica di John Coltrane, Miles Davis, Herbie Hancock ed Ella Fitzgerald. Per quanto il suo background musicale fosse già stato vario, ascoltare Emerson, Lake & Palmer si è rivelato un punto di svolta. Rachel è stata affascinata dall’innovativa integrazione del tastierista Keith Emerson di elementi classici e jazz in un ambiente rock, ed è diventato un modello musicale.

Mentre i suoi strumenti preferiti continuano ad essere il pianoforte e l’organo, ha anche una formazione classica sul flauto e suona la chitarra, il basso, il sassofono e il Chapman Stick.

Dice Rachel: “Ho sempre voluto creare musica che avesse quei grandi suoni che amo. Ero entusiasta di incorporare più organo in questo album, usando il mio Nord C2D ed Electro 4D e le librerie di suoni di organo a canne per ottenere quel tono iconico che stavo cercando. C’è anche molta chitarra elettrica in questo album. Sono stata ispirata da Steve Vai, John Mayer, Steven Wilson e, naturalmente, Adrian Belew, che è stato un’ispirazione diretta per la traccia di apertura”.

A sostegno dell’uscita del nuovo album di Rachel si è esibita al ProgStock dal 1 al 3 ottobre 2021. Il 6 novembre 2021 Rachel aprirà per gli Asia con John Payne allo Union County Performing Arts Center di Rahway, nel New Jersey, e si esibirà al Synthplex, il festival di musica elettronica All Things Synthesizer, dal 27 al 30 ottobre 2022 al Los Angeles Burbank Airport Convention Center.

I piani futuri di Rachel includono il completamento di un album jazz e un album fusion jazz/hip-hop, entrambi iniziati durante la pandemia. Non ci sono ancora date di uscita. Attualmente sono in discussione piani per registrare con un’orchestra dal vivo.

In chiusura Rachel ha questo da impartire ai suoi ascoltatori: “Il messaggio che vorrei che i miei ascoltatori portassero via è che ci sarà l’oscurità, ma si può volare, si può amare, si può essere amati, e l’oscurità è solo temporanea”.

Per l’acquisto:
Bandcamp | Apple Music | Amazon 

Rachel Flowers online
Website | SoundCloud | YouTube | Facebook | Twitter | Instagram | Spotify 

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO