UNQUIET MUSIC LTD – “In The Name Of… (A Prayer For Our Times)”

Il nuovo concept album vede la partecipazione, tra gli altri, dell'ex King Crimson Trey Gunn, di Markus Reuter degli Stick Men e di Frédéric L'Epée dei Yang

Lo spirito generale che sottende questo album è il rock ‘n’ roll, mantenendo un accesso popolare a un modo senza compromessi di affrontare le cose. Tuttavia, ha anche l’ambizione di fornire qualcosa di diverso per orecchie avventurose.

Quindi gli stili di musica utilizzati sono diversi e le influenze possono essere rintracciate dalla musica concreta, al minimalismo, dall’ambient all’elettronica, dal progressive rock alla classica contemporanea. Alcuni nomi possono essere citati come ispiratori: Olivier Messiaen, Steve Reich, Arvo Pärt, Brian Eno , Robert Fripp, Peter Gabriel, John Zorn.

Guarda il video teaser:
YouTube | Facebook  

Scarica il singolo gratuito In The Name Of The Son (Atomisation) – il download gratuito viene fornito insieme a una traccia inedita (un’opera corale).

Unquiet Music Ltd è sia un concept che una società fondata nel 2019 da JP Rossi. JP è cresciuto alla fine degli anni ’70 e ’80 e ha fondato diverse band alla fine degli anni ’80, all’inizio degli anni ’90, ispirate sia dal rock epico e dark britannico che dalla chanson francese, band come Genesis, Simple Minds, Joy Division e in Francia Alain Bashung, Alain Souchon. Ha avuto un atto notevole negli anni ’90 intitolato “L’Air de Rien” con il batterista Karim Ziad e il chitarrista Khliff Miziallaoua, dall’allora scena rai (Cheb Khaled, Cheb Mami) che ha contribuito anche all’album. A metà degli anni ’90 la band si sciolse e solo 20 anni dopo JP tornò alla musica, con una ricchezza di educazione musicale ed esperienze internazionali.

Unquiet Music Ltd vuole essere auto esplicativo:
“Poiché stiamo vivendo in tempi inquieti e poiché abbiamo bisogno di passare attraverso percorsi commerciali per raggiungere l’un l’altro e il mondo”.

Dice JP: “L’idea è di creare un suono senza compromessi, fondamentalmente qualcosa che non sarebbe stato ascoltato da nessun’altra parte – almeno come tale, dal momento che tutti ricicliamo soltanto. La forma è un mandala musicale in 4 pezzi, basato sulla preghiera tradizionale” In nome del padre ecc.”. La musica va davvero considerata come un pezzo unico, una preghiera, un vascello da imbarcare in un viaggio attraverso la nostra condizione modesta ma anche ambiziosa”.

La musica è stata elaborata come una trascrizione provvisoria di sogni uditivi. Il processo si è sviluppato in un paio d’anni ed è stato possibile solo attraverso la raccolta paziente dei resti dei sogni in una workstation audio digitale. Alcuni dei temi richiedevano performance dal vivo e i musicisti hanno gradualmente integrato il progetto. Un passo importante è stato superato quando Markus Reuter si è unito alla produzione entro la fine del 2018.

C’è un intero video a supportare la musica. Non è in alcun modo un’opera contemplativa, piuttosto mira a creare una storia in parallelo con la musica. Dovrebbe aggiungere una dimensione diversa e, si spera, interessante all’esperienza. Ci sono anche quasi 2 ore di demo, alcune abbastanza avanzate, altre abbastanza diverse, che Unquiet Music Ltd intende pubblicare gradualmente, compresi i bonus per i fan.

Questa è una versione di Unquiet Music Ltd.

Registrato in varie località tra il 2017 e il 2020.
La batteria è stata registrata a casa di Khliff, Ollainville (10 settembre 2018)
Gli archi sono stati registrati al NoJoke Studio, Parigi da Dominique Sablier (19 settembre 2019)

Musicisti

  • Khliff Miziallaoua: Percussion (The father), Acoustic Guitars (The father), Electric Guitar (The son), Bass Voice  (Amen)
  • Frédéric L’Epée: Gibson Les Paul Custom & Parker Fly Guitars Guitars (The father’s quartet) Cédric Theys: Touch Guitars® AU8 (The father, The son)
  • Samira Brahmia: Voice (The son, The holy spirit, Amen)
  • Trey Gunn: Warr Guitars® (The father, The son, The holy spirit)
  • Markus Reuter: Touch Guitars® AU8 (The holy spirit)
  • Karim Ziad: Acoustic Drums (The son)
  • Gauthier Dymon: Voice (The son, Amen)
  • Elea Barta: Soprano Voice (Amen)
  • Raphaël Terreau: Tenor Voice (Amen)
  • Brice Modard: Bass Voice (Amen)
  • Alyssa Ait Hammou: Violin (The father)
  • Caroline Berry: Viola (The father)
  • Christophe Jeannin: Cello (The father)
  • Lukas Carillo: Double Bass (The father)

Groove design on “The son” by Karim Ziad
Lullaby improvisation on “The holy spirit” by Markus Reuter
Solo improvisation on “The holy spirit” by Trey Gunn
“The father”, “The holy spirit, “Amen” mixed by Markus Reuter
“The son” mixed by Benjamin Schäfer
Produced by Markus Reuter for Unquiet Music Ltd
Mastered by Lee Fletcher
Cover painting by Gérard Rossi
Graphic design by Bernhard Wöstheinrich
Text review by Dann Chinn

“Sono contento di vivere in un mondo in cui la musica e la sound art come questa sono una realtà. Così tanti dettagli, una vita di creatività incorporata in un’opera folle di lunga durata. Questo è il luogo musicale dove si incontrano idee e idealismo. Dovreste trattarlo tutti con rispetto” – Markus Reuter

“Una musica folle ed extraterrestre! Controlla!” – Frédéric L’Epée

“Per le persone che vogliono allungare le orecchie oltre il punto in cui sono mai arrivate prima, è davvero necessario dare un’occhiata a questa registrazione di Unquiet Music Ltd. È sorprendentemente strana, fantasiosa e superbamente eseguita. L’elettronica incontra Messiaen incontra… Gentle Giant? Magma? Stockhausen? Borge? Lynch? Cortazar? Tutto in questo lavoro sembra che possa provenire da un altro pianeta. Questa è una composizione/opera extraterrestre.” – Trey Gunn

Per l’acquisto: Bandcamp

Per maggiori informazioni: Facebook | YouTube

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO