LA VOCE DELLA TERRA – La Fantomatik Orchestra nel centro storico di Spoleto

Venerdì 4 settembre 2020 pomeriggio di grande intrattenimento nella città umbra per il nuovo appuntamento della manifestazione organizzata dall'Associazione Visioninmusica - con la direzione artistica di Silvia Alunni - improntata alla valorizzazione culturale e turistica della Valnerina in programma fino a ottobre

Fantomatik Orchestra

Venerdì 4 settembre 2020 è di scena la Fantomatik Orchestra, un progetto musicale nato in Toscana nel 1993 come gruppo funky, soul e rhythm’n’blues, con influenze etno, pop e dance e che, nel 2001, diventa una vera e propria marching band, sullo stile delle street band americane, composta da più di 14 musicisti e con un repertorio proteso alla ricerca costante di nuove sonorità e nuove idee.

Nel corso degli anni, la Fantomatik Orchestra ha suonato per le strade e sui palchi di molte capitali sia italiane che internazionali; ha introdotto i concerti di grandi artisti, ha partecipato a trasmissioni, eventi teatrali e cinematografici, sviluppando un’identità originale, che non la fa assomigliare né alla tradizionale banda di paese, né alla classica street band o marching band all’americana.

La cura degli arrangiamenti, la scelta del repertorio funk, rock, etno, prog, jazz, pop, la formazione strumentale, l’energia e la vitalità dei musicisti danno luogo ad uno spettacolo musicale unico che riesce a coinvolgere il pubblico non solo all’ascolto, ma anche alla danza e al movimento. La Fantomatik Orchestra porta la musica in casa, creando una relazione sociale capace di far condividere emozioni, sensazioni, stati d’animo.

LA VOCE DELLA TERRA
L’iniziativa affonda le sue radici nella manifestazione “Il jazz per le terre del Sisma”, che nel corso del 2018 ha lasciato il posto a “La voce della Terra”: questa nuova edizione si pone l’obiettivo di mantenere viva l’attenzione sulla Valnerina e sui suoi borghi, in particolare quelli colpiti dal terremoto, aprendo al contempo lo sguardo su nuovi orizzonti di sviluppo responsabile e maggior qualità nell’offerta turistica integrata.
Con un occhio puntato sull’innovazione e un altro sulla contaminazione tra i generi musicali – come nelle scelte artistiche compiute da oltre diciassette anni da Visioninmusica, la manifestazione sarà un’occasione per promuovere, raccontare e valorizzare le risorse di un intero territorio, dove la natura autentica e vigorosa è anche bellezza, spiritualità e opportunità, nell’eredità di una storia preziosa e antica.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO