KING CRIMSON – Il tour 2020 rinviato di un anno

Con una nota sul sito web ufficiale della band, David Singleton ha annunciato lo spostamento al 2021 del tour che avrebbe dovuto svolgersi quest'estate in Nord America

Poster tour King Crimson 2020

Ecco la traduzione integrale del messaggio che David Singleton – socio e direttore con Robert Fripp della Discipline Global Mobile, manager dei King Crimson e tanto altro ancora – ha affidato alla news sul sito ufficiale della DGM per annunciare che – a causa del coronavirus – è stata presa la difficile ma inevitabile decisione di rimandare di un anno il Tour in USA e Canada previsto per il 2020.

“King Crimson ha preso la difficile ma inevitabile decisione di rimandare di un anno il tour estivo del Nord America. Anche se è possibile che alcune sedi negli Stati Uniti e in Canada possano riaprire in tempo per gli spettacoli di giugno e luglio, sembrano poche le possibilità che la minaccia del Coronavirus sia completamente svanita – e non abbiamo alcun desiderio di rischiare la salute della band , l’equipaggio o il pubblico. Nessuno dovrebbe decidere tra un concerto e una minaccia per la propria salute.

Abbiamo discusso con i vari promotori di concerti, i quali rimangono tutti desiderosi di ospitare spettacoli di King Crimson, ed è nostra intenzione, ove possibile, suonare esattamente le stesse date con la Zappa Band in date molto simili nel 2021. Le date riprogrammate saranno confermate nelle prossime settimane.

Ciò dovrebbe lasciare ai fan la possibilità di chiedere il rimborso dei biglietti o di partecipare ai concerti riprogrammati l’anno prossimo.

Nella prossima settimana contatteremo anche tutti coloro che hanno acquistato i Royal Package direttamente da DGMLive in modo che possano prendere la stessa decisione.

Nel frattempo, auguriamo a tutti il ​​meglio per la salute e speriamo di vedervi l’anno prossimo”.

CONDIVIDI
Articolo precedenteASPIC BOULEVARD - “Memory Recall of a Replicant Dream”
Prossimo articoloROBERTO MAGRIS - “Suite!”
Vice direttore di DT NEWS, Alessandro Staiti è nato a Roma dove si è laureato in Storia della Letteratura Italiana Moderna e Contemporanea e specializzato in Comunicazione e Organizzazione Istituzionale con tecnologie avanzate. Inizia nel 1976 come dj a «Onda Radio 101» una delle prime cinque radio libere romane. Giornalista pubblicista dal 1981, è stato collaboratore delle riviste musicali «Mucchio Selvaggio», «Chitarre», «Ciao 2001», «Music», «New Age Music & New Sounds», «Etnica & World Music», «Acid Jazz», caposervizio delle pagine «Cultura» e «Sesso e Salute» del quotidiano nazionale «Quigiovani», caporedattore della rivista «Esoterica» e autore di instant book su Sting, a-ha, e Peter Gabriel. Ha pubblicato i saggi «Robert Fripp & King Crimson» (Lato Side, 1982), il primo libro al mondo sul chitarrista inglese e sui King Crimson e «In The Court Of The Crimson King» (Arcana, 2016) la prima monografia in Italia sull'album d’esordio della band che ha cambiato la storia del rock. Collaboratore di «Classic Rock», «Chitarra Acustica», «La Stampa».

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO