ANPIT – Italia locomotiva d’Europa, il Nord al centro della ripresa

Lo Starhotels Ritz di Milano ha fatto da cornice alla due-giorni organizzata da ANPIT. L’associazione si è ritrovata per l’assemblea nazionale 2019, durante la quale sono stati presentati i tre nuovi uffici SOS imprese, bandi e reating legalità, inoltre, l’ufficio internazionalizzazione ha annunciato uno specifico evento che si terrà a Pescara nel mese di ottobre.

L’occasione è stata anche utile per discutere del momento socio-economico durante l’evento ‘Italia locomotiva d’Europa: il nord al centro della ripresa’. L’introduzione da parte del presidente ANPIT Milano, Iconio Massara, è stata seguita dalla lettera firmata da Attilio Fontana, Presidente della Regione Lombardia edai saluti istituzionali di Gabriele Barucco, membro della Commissione Affari Istituzionali della Regione Lombardia.

Le relazioni tecniche di Davide Stasi, Claudio Cocciatelli e Gianpaolo Sbaraglia, incentrate rispettivamente sulla capacità competitiva delle PMI, sui rischi e le opportunità legate al binomio tecnologia-lavoro e sulla pressione fiscale nelle imprese italiane a confronto con quelle europee, hanno caratterizzato la seconda parte dell’incontro.

L’evento, moderato dal giornalista Oscar Giannino, è proseguitocon un confronto incentrato sulle tematiche sopra citate. Il Senatore Eugenio Comincini è stato il primo a prendere la parola: “La nuova legge di bilancio dovrà reperire le risorse per far ripartire virtuosamente il sistema: sono ottimista circa questo aspetto. Il nuovo Governo si è posto l’obiettivo di dare risposte concrete alle famiglie ed alle imprese”. Al membro della Commissione Finanze e Tesoro ha fatto eco il Deputato Mattia Fantinati: “C’è un’attenzione elevata nei confronti delle aziende, soprattutto, verso le imprese piccole e micro, in particolare in merito alla loro tassazione, per far sì che possano ripartire i consumi interni e che si possa infondere maggiore sicurezza andando anche ad abrogare le tante leggi vigenti”.

Il nord deve essere veramente il motore della ripresa, come titola questo incontro. In Italia, infatti, ci sono due grandi regioni, Lombardia e Veneto, che devono essere aiutate a crescere, anche in chiave autonomistica. Se la locomotiva è forte, le altre regioni vengono trainate: il rischio, altrimenti, sarebbe quello di regredire”, è il pensiero della Deputata Federica Zanella, facente parte della Commissione Trasporti, Poste e Telecomunicazioni. È stata, poi, la volta di Roberto Mura, Presidente della Commissione Speciale ‘Rapporti tra Lombardia, Istituzioni europee, Confederazioni svizzere e Province autonome’: “Il modello lombardo funziona e va riportato anche altrove. Il principio dell’autonomia comporta maggiore responsabilizzazione degli amministratori: i soldi che arrivano dallo Stato devono essere gestiti da ciascuna Regione al fine di fornire servizi migliori ai cittadini”.

L’ultimo intervento è stato di Federico Iadicicco, Presidente Nazionale ANPIT: “L’auspicio è che l’Italia torni ad essere la locomotiva del continentenon esiste Europa senza il nostro Paese. Le questioni poste dall’Italia a Bruxelles devono avere il loro riconoscimento ed il loro peso, serve un ragionamento profondo sulle necessità di un nuovo modello di sviluppo continentale. Due tematiche vanno approfondite: il taglio del cuneo fiscale, che può avvenire solo tramite una riduzione dell’IRPEF o del carico contributivo e l’abbassamento della pressione fiscale sulle imprese”.

CONDIVIDI
Articolo precedenteTEATRO - Riccardo III: la tragedia della coscienza al Globe Theatre di Villa Borghese
Prossimo articoloFESTIVAL - Jazzmi 2019: il Jazz è Pop
Vice direttore di DT NEWS, Alessandro Staiti è nato a Roma dove si è laureato in Storia della Letteratura Italiana Moderna e Contemporanea e specializzato in Comunicazione e Organizzazione Istituzionale con tecnologie avanzate. Inizia nel 1976 come dj a «Onda Radio 101» una delle prime cinque radio libere romane. Giornalista pubblicista dal 1981, è stato collaboratore delle riviste musicali «Mucchio Selvaggio», «Chitarre», «Ciao 2001», «Music», «New Age Music & New Sounds», «Etnica & World Music», «Acid Jazz», caposervizio delle pagine «Cultura» e «Sesso e Salute» del quotidiano nazionale «Quigiovani», caporedattore della rivista «Esoterica» e autore di instant book su Sting, a-ha, e Peter Gabriel. Ha pubblicato i saggi «Robert Fripp & King Crimson» (Lato Side, 1982), il primo libro al mondo sul chitarrista inglese e sui King Crimson e «In The Court Of The Crimson King» (Arcana, 2016) la prima monografia in Italia sull'album d’esordio della band che ha cambiato la storia del rock. Collaboratore di «Classic Rock», «Chitarra Acustica», «La Stampa».

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO