PRIMO PIANO – Presentata la rivoluzione tecnologia firmata GST

Mercoledì 19 giugno, presso la Sala Cabrini dell’Aldrovandi Villa Borghese, è stata presentata ufficialmente per la prima volta l’autentica rivoluzione targata ‘GST’.

Il meeting ha posto al centro l’innovazione tecnologica ed informatica, sempre con un occhio di riguardo all’efficienza, alla velocità ed alla sicurezza. Tema centrale del tavolo è stato l’utilizzo della blockchain per l’energia, la quale potrebbe essere sfruttata concretamente almeno in tre distinte tipologie di applicazioni.
Ad esempio, tale catena di blocchi potrebbe portare alla realizzazione di reti nel campo petrolifero, collegando i sensori alla stessa. In questo modo si potrebbero ottenere informazioni sull’andamento delle estrazioni di greggio, nonché rintracciare i giacimenti in tutto il mondo.
Alternativamente, la struttura dati condivisa potrebbe essere sfruttata in progetti di controllo della qualità dell’aria, come il monitoraggio in tempo reale dei numeri certificati relativi all’impatto della qualità dell’aria nella salute umana.
Infine, la blockchain può risultare una preziosa alleata in progetti su rocce calde ed asciutte: collegando sensori alla catena, si potrebbero rintracciare gli originali giacimenti dedicati alle estrazioni di tutto il mondo e disporre così delle informazioni relative al loro andamento.
Si tratta di un progetto in continua evoluzione, che mira a creare una nuova forma di economia, basata sull’intelligenza artificiale.

CONDIVIDI
Articolo precedenteTEATRO DELL'OPERA DI ROMA - Grande successo per la Cenerentola firmata Emma Dante
Prossimo articoloEVENTI - Anpit al Festival del Lavoro per un nuovo paradigma economico-sociale
Vice direttore di DT NEWS, Alessandro Staiti è nato a Roma dove si è laureato in Storia della Letteratura Italiana Moderna e Contemporanea e specializzato in Comunicazione e Organizzazione Istituzionale con tecnologie avanzate. Inizia nel 1976 come dj a «Onda Radio 101» una delle prime cinque radio libere romane. Giornalista pubblicista dal 1981, è stato collaboratore delle riviste musicali «Mucchio Selvaggio», «Chitarre», «Ciao 2001», «Music», «New Age Music & New Sounds», «Etnica & World Music», «Acid Jazz», caposervizio delle pagine «Cultura» e «Sesso e Salute» del quotidiano nazionale «Quigiovani», caporedattore della rivista «Esoterica» e autore di instant book su Sting, a-ha, e Peter Gabriel. Ha pubblicato i saggi «Robert Fripp & King Crimson» (Lato Side, 1982), il primo libro al mondo sul chitarrista inglese e sui King Crimson e «In The Court Of The Crimson King» (Arcana, 2016) la prima monografia in Italia sull'album d’esordio della band che ha cambiato la storia del rock. Collaboratore di «Classic Rock», «Chitarra Acustica», «La Stampa».

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO