PROG-ROCK – Lunatic Soul: “Under The Fragmented Sky” uscirà il 25 maggio 2018

Il nuovo album segna il decimo anniversario del progetto solista di Mariusz Duda. "È un viaggio musicale con elettronica ed esperimenti vocali molto sottili" - afferma l'artista - "È incredibilmente coerente e molto più vicino all'atmosfera dei precedenti album dei Lunatic Soul". Guarda il video di "Untamed", il singolo tratto da UTFS

Lunatic Soul è Mariusz Duda, talentuoso autore, cantante e polistrumentista dietro ad alcuni dei più raffinati e accattivanti realtà progressive europee, tra cui la sua produzione con lo storico marchio britannico Kscope e con le stelle polacche Riverside. Duda è ora pronto per pubblicare il suo sesto album in studio UNDER THE FRAGMENTED SKY, in uscita il 25 maggio 2018. Questo nuovo album è il seguito virtuale di FRACTURED (2017), e il culmine del primo decennio di storia Lunatic Soul.

Lunatic Soul - Photo credit Sightsphere
Lunatic Soul – Photo credit Sightsphere

Calcando i solchi lasciati con l’album dello scorso anno, che conteneva contenuti su lutto, speranza e su una società alla deriva, UNDER THE FRAGMENTED SKY restituisce ai Lunatic Soul la vecchia identità, caratterizzata da atmosfere cupe e ossessionanti sempre in primo piano. Questo nuovo lavoro prende il nome dalla epica traccia di 12 minuti “A Thousand Shards of Heaven” contenuta in FRACTURED. Duda spiega che “FRACTURED non è un quadro completo delle ultime cose registrate dai Lunatic Soul. Questi pezzi, un po’ più classici, hanno atteso un po’ di tempo che ora è arrivato.”

È una pubblicazione molto inaspettata e spontanea” – afferma Mariusz Duda – “Inizialmente, stavo pensando al  maxi singolo A Thousand Shards of Heaven con un paio di altri brani, ma il il materiale si è evoluto così bene in studio che ho finito con 36 minuti di musica nuova di zecca. È un album davvero incantevoleUTFS è un viaggio musicale con elettronica ed esperimenti vocali molto sottili, è incredibilmente coerente e molto più vicino all’atmosfera dei precedenti album dei Lunatic Soul. Grazie a UNDER THE FRAGMENTED SKY, l’ultimo album rosso otterrà un significato più pieno e l’intera discografia di Lunatic Soul sarà arricchita con un’altra sfumatura delle mie incisioni musicali, che sono stati sospesi da qualche parte tra la vita e la morte fin dall’inizio.

Lunatic Soul 1-Photo credit Sightsphere
Mariusz Duda – Photo credit Sightsphere

UNDER THE FRAGMENTED SKY sarà sia un complemento virtuale di FRACTURED, sia una release indipendente con un proprio carattere e identità. L’album è stato registrato durante le sessioni dello scorso lavoro ai Serakos Studio di Varsavia dal 16 al 17 giugno, e finalizzato a dicembre 2017 e febbraio 2018. Il brano finale “Untamed” vede la partecipazione eccezionale alla batteria di Wawrzyniec Dramowicz (aka Vaaver). Il lavoro grafico è stato ideato e illustrato dall’artista polacco Jarek Kubicki.

 

 

Sito UfficialeFacebookInstagramTwitter

 

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteART-ROCK - "Soyuz", il nuovo album dei Gazpacho
Prossimo articoloCALCIO - Torino-Lazio 0-1. Commento e pagelle biancocelesti
Vice direttore di DT NEWS, Alessandro Staiti è nato a Roma dove si è laureato in Storia della Letteratura Italiana Moderna e Contemporanea e specializzato in Comunicazione e Organizzazione Istituzionale con tecnologie avanzate. Inizia nel 1976 come dj a «Onda Radio 101» una delle prime cinque radio libere romane. Giornalista pubblicista dal 1981, è stato collaboratore delle riviste musicali «Mucchio Selvaggio», «Chitarre», «Ciao 2001», «Music», «New Age Music & New Sounds», «Etnica & World Music», «Acid Jazz», caposervizio delle pagine «Cultura» e «Sesso e Salute» del quotidiano nazionale «Quigiovani», caporedattore della rivista «Esoterica» e autore di instant book su Sting, a-ha, e Peter Gabriel. Ha pubblicato i saggi «Robert Fripp & King Crimson» (Lato Side, 1982), il primo libro al mondo sul chitarrista inglese e sui King Crimson e «In The Court Of The Crimson King» (Arcana, 2016) la prima monografia in Italia sull'album d’esordio della band che ha cambiato la storia del rock. Collaboratore di «Classic Rock», «Chitarra Acustica», «La Stampa».

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO