LIVE – Steve Hackett 2018 Tour de Force “Genesis Revisited, Solo Gems & GTR”

Il leggendario chitarrista britannico torna a suonare dal vivo in Italia con le sue straordinarie gemme da solista e gli intramontabili classici dei Genesis: il 4 luglio sarà a Roma, il 6 a Mirano, l'8 a Gardone Riviera e il 14 a Pistoia

Dopo i successi e i “sold out” dei tour del 2015, 2016 e 2017, il leggendario chitarrista inglese si esibirà nel nostro paese per quattro imperdibili date nel mese di luglio 2018, prodotte da Musical Box 2.0 Promotion e Ventidieci : il 4 a Roma (Foro Italico – Il Centrale live), il 6 a Mirano, Venezia (Summer Festival), l’8 a Gardone Riviera, Brescia (Anfiteatro Vittoriale) e il 14 a Pistoia (Pistoia Blues).

Protagonisti saranno i brani più acclamati, scritti con i Genesis – “Supper’s Ready”, “Dancing with the Moonlit Knight”, “Fountain of Salmacis”, “Firth of Fifth”, “The Musical Box” – e alcuni rari brani, non più eseguiti dal vivo dagli anni Settanta quali “One for the Vine” e “Inside & Out”. Non mancheranno le sue preziose gemme da solista, un omaggio ai 40 anni di PLEASE DON’T TOUCH e una versione speciale dei GTR “When The Heart Rules The Mind”; brani vecchi e nuovi, come quelli tratti dal più recente e avanguardista THE NIGHT SIREN.

Steve Hackett

Dagli anni Settanta a oggi, Steve Hackett ha percorso una carriera straordinaria, prima con i Genesis ed in seguito come solista, pubblicando più di 30 album, oltre al grandissimo successo in Nord America con il supergruppo GTR. Hackett è stato l’inventore di tecniche come il tapping e lo sweep-picking e ha influenzato diverse generazioni di chitarristi, tra cui Eddie Van Halen e Brian May, per citarne alcuni.

Riconosciuto come uno dei musicisti più innovativi nella scena rock dei nostri tempi, Steve Hackett continua a percorrere i sentieri della creatività musicale senza sosta, nel 2010 è entrato nella prestigiosa Rock & Roll Hall of Fame.

Sul palco con Steve Hackett un eccezionale team di musicisti di altissimo livello: alle tastiere Roger King (Gary Moore, The Mute Gods); alla batteria, percussioni e voce Gary O’Toole (Kylie Minogue, Chrissie Hynde); al sax, flauto e percussioni Rob Townsend (Bill Bruford); al basso e chitarra Jonas Reingold (The Flower Kings); alla voce Nad Sylvan (Agents of Mercy).

Il 2018 Tour De Force Genesis Revisited, Solo Gems & GTR è un vero e proprio viaggio attraverso le più suggestive atmosfere del prog. Un appuntamento immancabile!

STEVE HACKETT 2018 TOUR DE FORCE “GENESIS REVISITED, SOLO GEMS & GTR”
4 luglio – ROMA, Foro Italico – Il Centrale Live
6 luglio – MIRANO (VE), Summer Festival
8 luglio – GARDONE RIVIERA (BS), Anfiteatro Vittoriale
14 luglio – PISTOIA, Pistoia Blues

Biglietti disponibili sul circuito Ticketone

Info tour italiano: www.hackettsongs.comwww.musicalbox2-0promotion.itwww.ventidieci.it

CONDIVIDI
Articolo precedenteCALCIO - Cagliari-Lazio 2-2. Commento e pagelle biancocelesti
Prossimo articoloLIBRI-L'INTERVISTA – Alessandro Pagani: Io mi libro
Vice direttore di DT NEWS, Alessandro Staiti è nato a Roma dove si è laureato in Storia della Letteratura Italiana Moderna e Contemporanea e specializzato in Comunicazione e Organizzazione Istituzionale con tecnologie avanzate. Inizia nel 1976 come dj a «Onda Radio 101» una delle prime cinque radio libere romane. Giornalista pubblicista dal 1981, è stato collaboratore delle riviste musicali «Mucchio Selvaggio», «Chitarre», «Ciao 2001», «Music», «New Age Music & New Sounds», «Etnica & World Music», «Acid Jazz», caposervizio delle pagine «Cultura» e «Sesso e Salute» del quotidiano nazionale «Quigiovani», caporedattore della rivista «Esoterica» e autore di instant book su Sting, a-ha, e Peter Gabriel. Ha pubblicato i saggi «Robert Fripp & King Crimson» (Lato Side, 1982), il primo libro al mondo sul chitarrista inglese e sui King Crimson e «In The Court Of The Crimson King» (Arcana, 2016) la prima monografia in Italia sull'album d’esordio della band che ha cambiato la storia del rock. Collaboratore di «Classic Rock», i suoi articoli sono apparsi anche su «Chitarra Acustica» e «La Stampa».

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO