LIVE – Al Defrag di Roma lo Scandinavian Prog Festival

Il 23 e il 24 marzo 2018 il noto locale della Capitale ospiterà i Wobbler e i Jordsjø. Nelle due serate si esibiranno anche tre band italiane vincitrici del contest abbinato alla manifestazione

In questa edizione lo Scandinavian Prog Festival abbina alle migliori band scandinave tre gruppi italiani.

Oltre ai Wobbler, già universalmente affermati e riconosciuti come top prog band con il loro nuovo cd FROM SILENCE TO SOMEWHERE pluripremiato con numerosi riconoscimenti, ecco i Jordsjø, nuovissimo gruppo norvegese che ha già autoprodotto quattro album in tre anni (uno in condivisione con i Breidablik). Il loro sound è inconfondibile, fedele al miglior prog scandinavo degli anni ’90: ricco ma misterioso, delicato ma rabbioso, proprio come la natura nordica. Håkon Oftung, leader dei Jordsjø, è un personaggio molto attivo musicalmente: oltre a cantare, comporre e a suonare in studio tutti gli strumenti tranne la batteria (e dal vivo solo – si fa per dire – chitarra, flauto e voce), suona anche nei Tusmørke, altro gruppo norvegese molto noto, ed è membro aggiunto dei Wobbler, per i quali suona il flauto in alcuni concerti (la sorpresa della data di Roma?).

Ai due concerti di prog scandinavo è abbinato un contest per selezionare tre prog band italiane, che suoneranno sul palco nelle due serate del festival. A conferma del grande fermento della scena progressiva italiana, attualmente ci sono 16 band iscritte. Le votazioni sono iniziate il 15 gennaio e proseguiranno fino al 23 febbraio 2018, data in cui verranno annunciate le tre band: una aprirà per i Wobbler il 23 marzo, le altre due suoneranno il 24 marzo prima dei Jordsjø.

La giuria del contest si preannuncia molto autorevole, con alcuni componenti già annunciati: Paolo Carnelli, giornalista musicale e organizzatore; Mats Hedberg, polistrumentista svedese che ha collaborato, fra gli altri, con Billy Cobham, Morgan Ågren, Hans Lundin (Kaipa), e Ingo Arnason, islandese, Direttore del Circolo Scandinavo. Altri componenti verranno annunciati a breve.

Le votazioni si svolgono sulla pagina Facebook dell’evento, dove si trovano anche tutti i dettagli sulle due serate e sul contest.

SCANDINAVIAN PROG FESTIVAL
Venerdì 23 marzo 2018: Wobbler + 1 prog band italiana dal contest.
Sabato 24 marzo 2018: Jordsjø + 2 prog bands italiane dal contest

DEFRAG – via delle Isole Curzolane 75 – 00139 ROMA

Prevendita di biglietti, abbonamenti, merchandising e offerte:
sostieni.link/17177

Sito web Wobbler: https://www.wobblerofficial.com/
Pagina Bandcamp Jordsjø: https://jordsjo.bandcamp.com/music
Pagina Facebook: https://www.facebook.com/WobblerRome2018
Pagina evento: https://www.facebook.com/events/302643790225002/

Questo evento è patrocinato dal Circolo Scandinavo (Skandinavisk Forenings Kunstnerhus i Rom), l’istituzione che da più di 150 anni offre agli artisti nordici uno studio, in via della Lungara 231 a Roma, dove poter lavorare e soggiornare.

CONDIVIDI
Articolo precedenteTEATRO - Cous Cous Klan, in scena al Piccolo Eliseo di Roma fino al 28 gennaio
Prossimo articoloCALCIO - Lazio-Chievo 5-1. Commento e pagelle biancocelesti
Vice direttore di DT NEWS, Alessandro Staiti è nato a Roma dove si è laureato in Storia della Letteratura Italiana Moderna e Contemporanea e specializzato in Comunicazione e Organizzazione Istituzionale con tecnologie avanzate. Inizia nel 1976 come dj a «Onda Radio 101» una delle prime cinque radio libere romane. Giornalista pubblicista dal 1981, è stato collaboratore delle riviste musicali «Mucchio Selvaggio», «Chitarre», «Ciao 2001», «Music», «New Age Music & New Sounds», «Etnica & World Music», «Acid Jazz», caposervizio delle pagine «Cultura» e «Sesso e Salute» del quotidiano nazionale «Quigiovani», caporedattore della rivista «Esoterica» e autore di instant book su Sting, a-ha, e Peter Gabriel. Ha pubblicato i saggi «Robert Fripp & King Crimson» (Lato Side, 1982), il primo libro al mondo sul chitarrista inglese e sui King Crimson e «In The Court Of The Crimson King» (Arcana, 2016) la prima monografia in Italia sull'album d’esordio della band che ha cambiato la storia del rock. Collaboratore di «Classic Rock», «Chitarra Acustica», «La Stampa».

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO