PROG ROCK – In arrivo l’album di debutto dei Gizmodrome

La super band formata Stewart Copeland, Mark King, Adrian Belew e Vittorio Cosma pubblicherà il primo lavoro discografico, prodotto da Claudio Dentes, il 15 settembre 2017 su earMusic

 

I Gizmodrome hanno annunciato l’omonimo debut album, in arrivo su earMUSIC il 15 settembre 2017. A tutti gli effetti una all-star band, formata da Stewart Copeland (The Police, Oysterhead e compositore di numerose colonne sonore), Mark King (Level 42), Adrian Belew (ex King Crimson, David Bowie, Frank Zappa e Talking Heads) e Vittorio Cosma (ex componente di PFM e collaboratore storico di Elio e Le Storie Tese).

Gizmodrome (c) Massimiliano Cardelli
Gizmodrome (c) Massimiliano Cardelli

GIZMODROME è stato prodotto da Claudio Dentes, già dietro le quinte di molti album di Elio e Le Storie Tese e di molteplici altre produzioni degli ultimi 30 anni nel mondo della discografia italiana.

Disponibile un primo assaggio del progetto, una versione “work in progress” del brano “Amaka Pipa”

In un periodo in cui le registrazioni a distanza, in cui i musicisti si mandano via mail i file senza mai essere nella stessa stanza, i Gizmodrome hanno utilizzato l’approccio inverso: una felicità vecchio stile di quattro musicisti nella stessa sala prove. Non è una sorpresa che i membri della band, con diversi talenti e background, abbiano creato un suono così brillante, elettrico e imprevedibile.

Stewart Copeland, conosciuto come uno dei batteristi che hanno rivoluzionato per sempre lo stile delle canzoni pop/rock, è ovviamente il talento dietro la batteria selvaggia, ma prende il ruolo di cantante principale, coordinandosi con le linee vocali di Mark King e lo stile di canto di Belew.

Adrian Belew_(c) Massimiliano Cardelli
Adrian Belew (c) Massimiliano Cardelli

Pensando a Gizmodrome, la domanda che sorge spontanea è come due musicisti residenti negli Stati Uniti siano finiti a formare una band con un inglese e un italiano.

Vittorio ed io suoniamo insieme da anni in Italia, ma le cose si sono fatte serie quando Adrian e Mark ci hanno raggiunti a Milano per 15 giorni di creatività selvaggia in studio” spiega CopelandSe metti insieme quattro persone giuste in una sala prove accadono cose imprevedibili.

Stewart Copeland (c) Massimiliano Cardelli
Stewart Copeland (c) Massimiliano Cardelli

Stewart mi ha mandato un messaggio per chiedermi se volevo raggiungere lui e alcuni suoi amici in studio a Milano” ricorda Mark King, “poco dopo stavo creando linee di basso per i beat feroci di Adrian Belew facendo tremare i muri come non avevamo mai fatto, e Vittorio in qualche modo ha unito tutto. Questi sono i Gizmodrome!”.

Mark King (c) Massimiliano Cardelli
Mark King (c) Massimiliano Cardelli

I Gizmodrome mi hanno sorpreso totalmente! Sono andato nello studio di Milano senza sapere cosa aspettarmi e dopo un giorno di prove ho capito due cose: la chimica musicale era increbile e ci stavamo divertendo molto” aggiunge Adrian Belew.

Il risultato di questa meravigliosa esperienza è qualcosa di nuovo e veramente unico. Progressive pop può essere una buona definizione della somma di tutti gli elementi che compongono Gizmodrome, ma probabilmente non rende giustizia alla chitarra selvaggia e alle tastiere poetiche di Vittorio Cosma. Una cosa è sicura: i Gizomodrome sono imprevedibili e pionieristici. I fan che hanno amato tutte le band passate dei quattro musicisti ascolteranno questo disco un milione di volte!

Vittorio Cosma (c) Massimiliano Cardelli
Vittorio Cosma (c) Massimiliano Cardelli

Gizmodrome mi ha riportato la gioia nel fare musica che provavo quando avevo 16 anni”, dice Vittorio “Solo una band e un garage con i muri ricoperti dai poster di tutti i miei eroi musicali; solo che ora io suono con le persone su quei poster!”

CONDIVIDI
Articolo precedenteCALCIO - Chievo-Lazio 1-2. Commento e pagelle biancocelesti
Prossimo articoloPROG ROCK - Lunatic Soul annuncia FRACTURED, il quarto album in studio
Vice direttore di DT NEWS, Alessandro Staiti è nato a Roma dove si è laureato in Storia della Letteratura Italiana Moderna e Contemporanea e specializzato in Comunicazione e Organizzazione Istituzionale con tecnologie avanzate. Inizia nel 1976 come dj a «Onda Radio 101» una delle prime cinque radio libere romane. Giornalista pubblicista dal 1981, è stato collaboratore delle riviste musicali «Mucchio Selvaggio», «Chitarre», «Ciao 2001», «Music», «New Age Music & New Sounds», «Etnica & World Music», «Acid Jazz», caposervizio delle pagine «Cultura» e «Sesso e Salute» del quotidiano nazionale «Quigiovani», caporedattore della rivista «Esoterica» e autore di instant book su Sting, a-ha, e Peter Gabriel. Ha pubblicato i saggi «Robert Fripp & King Crimson» (Lato Side, 1982), il primo libro al mondo sul chitarrista inglese e sui King Crimson e «In The Court Of The Crimson King» (Arcana, 2016) la prima monografia in Italia sull'album d’esordio della band che ha cambiato la storia del rock. Collaboratore di «Classic Rock», «Chitarra Acustica», «La Stampa».

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO